04 Dicembre 2020
News

IL PROCESSO DI BISCARDI: LA POSIZIONE DEL PRESIDENTE DI LEGA SULLA SPINOSA QUESTIONE PSFRE´

03-11-2014 16:00 - NEWS FANTALEGA DARFO 2003
B: Presidente, ci spieghi cosa è successo con dovizia di particolari?
P: Una cosa che francamente nessuno si aspettava, il Psfrè nella sfida esterna contro il Blackbrun schiera in difesa Bruno Peres, giocatore non presente nella rosa della squadra olandese, la formazione veniva consegnata alle 14:36 e non più rivista. Del pacchiano errore se n´è poi accorta la dirigenza della Fantalega in seguito nel redigere le formazioni delle squadre.
B: Sono stati presi dei provvedimenti immediati? E quali?
P: Premettiamo che trovare certi errori non ci fà certo piacere, se andasse tutto liscio sempre saremmo i primi a essere contenti, ogni volta che tocca far partire un richiamo e far diventare effettiva una sanzione partono sempre polemiche incredibili che la dirigenza della Fantalega preferirebbe evitare. Comunque è stata subito informata la lega di quanto era successo e dei provvedimenti che si intendevano adottare.
B: Sui provvedimenti però diversi club non si sono trovati d´accordo, Psfrè in primis...
P: Ne abbiamo preso atto, il fatto è che ogni volta è una situazione spinosa, bisogna pensare al club che ha commesso l´errore, al club che lo affronta e al resto della Fantalega e cercare di decidere per il meglio. Il problema è che nel nostro già superarticolato regolamento un caso così particolare non esisteva.
B: E come avete risolto il problema? Che linea avete tenuto?
P: Abbiamo deciso come sempre in questi casi, ci siamo adeguati a dei regolamenti più grandi del nostro... Qualsiasi competizione di Fantacalcio in Italia si regolamente in questo modo, se schieri un calciatore che non hai in rosa non ne puoi ottenere le prestazioni, quindi giochi in 10.
B: Ma alcune società hanno però ritenuto la punizione eccessiva e hanno invocato clemenza, senza ottenerla. Perchè?
P: Non credo sia questione di clemenza o meno... L´errore c´è stato, molto grave, in fondo viola la regola fondamentale numero 1 del Fantacalcio: schieri i giocatori della tua rosa. Aldila´ di qualsiasi possibile assonanza con altri giocatori in rosa la squadra ha schierato per Nome e Cognome un altro giocatore, di un altro club, di diverso valore monetario nella Fantalega. Non si poteva evitare una punizione e sembrava francamente ridicolo deciderla in corsa nel mentre si stava giocando la giornata, è una cosa che nella Fantalega non si è mai fatta. Una semplice sostituzione risultava una punizione troppo lieve e quasi offensiva nei confronti della squadra avversaria, serviva una punizione e semplicemente si è optato per quella che usano tutte le Fantaleghe a questo mondo, senza andare a inventarsi curiose novità in corsa.
B: Forse la società Psfrè si sente un pò perseguitata dalla Lega Fantacalcio, alcune dichiarazioni scomode di Treachi e la sua uscita dalla chat tra gli imprechi hanno lasciato il segno... Si parla anche di troppa pignoleria nel far seguire le regole.
P: Credo che questo eccesso di zelo sia una componente decisiva per questa Fantalega e trattandosi comunque di un gioco ma preso parecchio seriamente è necessario che sia basato su regole ferree e su un dogma basilare: ´´Chi sbaglia, paga, sempre´´. Tutti si sono resi conto che tutte le volte che un club ha combinato qualcosa (dagli sfori storici di Teottenham e Tordeaux, alla magica formazione in ritardo di 24 ore del Psfrè passando per la genialata dell´ESG della scorsa stagione) non l´ha mai fatto in cattiva fede o per rubare qualcosa alle altre società, ma è altrettanto chiaro come le altre società pretendano una punizione in conseguenza ad ogni errore. Tutti amano il Psfrè e la situazione si sarebbe riproposta identica chiunque altro avesse combinato qualcosa. In fondo tutti si ricordano bene come gongolava Treachi quando la frittata l´aveva fatta Erik.
B: Crede che la questione si trascinerà a lungo?
P: La questione regola per forza di cose, dopo uno shock del genere la Fantalega ha bisogno di una regola votata nuova di zecca, anche se francamente in tutta sincerità mi chiedo: cosa possono votare otto presidenti seri in una situazione come questa se non confermare la linea tenuta? Per quanto riguarda gli straschichi di polemica credo che grazie al Signore nella partita incriminata il Psfrè ha fatto pena comunque senza arrivare alla rete, il che significa che qualsiasi decisione presa non influirà in alcun modo sulle sorti di questo campionato. In tutta onestà l´organizzazione tutta della Fantalega già nel pomeriggio di sabato tremava al solo pensiero di quel che poteva succedere nel prendere una decisione del genere, in qualsiasi senso. Se si sceglieva un giocatore da inserire, piuttosto che un altro, piuttosto che un malus da togliere, piuttosto che giocare in 10 in corso d´opera e questo avesse cambiato le sorti della partita nel bene o nel male già pensavo ai ricorsi estivi per riavere magari degli scudetti. Vista l´importanza della partita una decisione del genere, tanto semplice all´apparenza, poteva generare un domino di discussioni lunghe un anno intero, anche da parte del Blackbrun ovviamente in caso di mancata sanzione, se dalla decisione fossero dipese magari le sorti di un pareggio piuttosto che una vittoria. Quindi siamo felici che tutto si risolva in un nulla di fatto.
B: Come pensa sia potuto succedere in una partita così importante?
P: Guardi tutta una serie di fattori direi, quello principale è che Treachi è un fons e non escluderei fino in fondo che abbia passato il venerdì convinto di aver comprato Bruno Peres, la seconda che il direttore sportivo fatta la sua parte con 5 vittorie nelle prime 5 partite molla la squadra in mano al solo Treachi e se ne parte per la Svizzera isolato dal mondo snobbando la sfida scudetto dopo aver snobbato il mercato, non sò se si siano sentiti per la formazione o meno e eventualmente se lui abbia dato il suo benestare ad una formazione con Bruno Peres ma resta il fatto che ste fatto ha scombussolato Treachi, senza ombra di dubbio. Inoltre lo stress per essere diventato il Commissario Tecnico Unico dell´Olanda lo ha messo al tappeto, in realtà ha cercato di contattarmi prima del match contro l´Est Povero ma essendo stato categorico in sede di mercato pensavo che le sorti dell´Olanda fossero in mani sue. Tutti sti motivi insieme hanno creato quel mix esplosivo che ha mandato in pappa il cervello del capoclassifica a un certo punto mandandolo in confusione totale tanto che usava come scusa il fatto che stava guidando con prove evidenti che lo inchiodavano in casa all´orario del fattaccio. Ma l´unica domanda che continuo a farmi è: vuoi vincere lo scudetto, stai giocando il big match della stagione con l´avversario più temibile della stagione e neanche dai una ricontrollatina alla tua formazione? Mah...





Realizzazione siti web www.sitoper.it