20 Settembre 2020
News

ANCORA UNA VOLTA OLANDA, TERZA CONFEDERATION´S CONSECUTIVA, TREACHI E´ GIA´ LEGGENDA ORANGE

22-03-2016 19:00 - NEWS FANTALEGA DARFO 2003
Le prospettive tre anni orsono non erano poi così rosee, l´arrivo della Confederation´s Cup nella Fantalega aveva sortito diverse discussioni e molte polemiche tra chi la voleva, chi meno, chi pensava che dovesse essere solo una kermesse simbolica e chi pensava invece a sto punto dovesse valere qualcosa. Le stesse confederazioni si ritrovarono spaccate al loro interno tra chi snobbava la competizione e chi aveva l´onere di dover poi schierare un undici da mettere in campo. Nonostante il premio in palio per le due squadre vincenti non sia poi così esiguo come potrebbe sembrare perchè comunque la possibilità di avere gli sponsor tecnici migliori permette un vantaggio da 1 a 3 milioni su ogni società, comunque un buon punto di partenza per la stagione a venire. Ciononostante all´interno della stessa Olanda vi era un clima da squadra allo sbando: Il General Manager del Flajax, squadra simbolo dell´Olanda (o quantomeno sino ad allora), si era tirato fuori a più riprese dalla competizione minacciando addirittura a volte di non concedere i propri giocatori alla selezione o di concederne solamente alcuni in base alle esigenze del club. La situazione si era poi ammorbidita col tempo e si era optato per una strana scelta: Treachi Commissario Tecnico Unico, Bertini da poco nella Fantalega a fargli da assistente, Martinelli che rimane sullo sfondo solo come mero consigliere riguardo ai suoi uomini, Fruttolo che nemmeno ha mai capito bene come funzioni il tutto. Scelta decisamente controcorrente quella del team Orange perchè tutte le altre confederazioni avevano optato per una più salomonica divisione delle decisioni tra tre o quattro persone, il che ha reso piuttosto incasinate alcune scelte e creato forse più confusione di quanta ne servisse. O quantomeno questo è quello che ha detto il campo. Perchè tre anni dopo il CTU olandese ha già incamerato tutto quello che c´era da incamerare, sei vittorie in sei match, tre trofei su tre in bacheca e una sensazione continua di superiorità. Vero che il selezionatore ha potuto attingere nei tre anni sempre da due squadre di alta classifica però il lavoro è stato mirabile. La grande delusione di questi ultimi tre anni la squadra francese. L´Est Povero ha raggiunto due finali, l´Inghilterra una. La Francia zero. Tre sconfitte su tre nelle semifinali del trofeo. Proprio loro che tre anni fà furono tra i grandi promotori della novità della Confederation´s al grido di: ´´Vive la France´´. La Francia è stata da sempre ritenuta la grande favorita e invece ha raccolto solo grandissime delusioni con tre eliminazioni precoci e purtroppo sempre meritate. Inizia ora a serpeggiare pure nelle altre confederazioni esterne a quella olandese la possibilità di selezionare pure loro con cadenza annuale o biennale un unico commissario tecnico per la confederazione (niente ne vieterebbe uno esterno tra l´altro). Già si fanno alcuni nomi, per l´Est Povero la sensazione è che potrebbe prendere tutto in mano Minelli già dal 2016/17 al massimo con la partecipazione di Abondio G. che potrebbe fare da co-selezionatore, Spagnoli se ne è tirato fuori a più riprese e Manzoni potrebbe avere i gradi per diventare CT ma sembra abbia già rifiutato il ruolo unico. Per l´Inghilterra dopo la delusione di quest´anno ci potrebbe essere un summit per decidere chi dei tre prenderebbe in mano in solitaria la squadra, ma la decisione sembra la momento molto nebulosa, anche se periodicamente ritornano i nomi di grandi vecchie volpi del Fantacalcio come Bonzi e Janeta che potrebbero assumere il ruolo di Commissario Tecnico con contratto annuale cercando di portare in alto il team inglese, anche se la soluzione straniera non incontra il gradimento di tutti. Per la Francia probabilmente non se ne farà nulla, troppo coeso il gruppo francese per pensare ad un selezionatore unico, si andrà probabilmente avanti con la triade.





Realizzazione siti web www.sitoper.it