19 Aprile 2024
visibility
News

LA CLASSICA DISAMINA SULL'ASTA DEL PRESIDENTE DI LEGA

15-08-2023 19:00 - NEWS FANTALEGA DARFO 2003
Agli archivi anche la ventunesima asta della storia della Fantalega Darfo 2003, la prima tenutasi nella Casa Pana di via Manzoni 39 a Boario Terme, atmosfera rilassata, organizzazione impeccabile, rinfreschi da antologia e nessun intoppo di tipo climatico tanto temuto nei giorni dell'immediata vigilia. Lautaro Martinez è il grande nome della giornata, quello che verrà ricordato come il grande acquisto della giornata e probabilmente dell'anno e dopo tre anni di Inghilterra al Blackbrun finisce in Francia al Tordeaux per la bellezza di 204 Milioni, il secondo acquisto più costoso è dello Spagna Praga e si parla del sempreverde Ciro Immobile per il quale i cechi hanno sborsato 176 Milioni mentre terzo gradino del podio per il Blackbrun che riporta Dybala in giallonero dopo 3 anni sborsandone 150. Ma andiamo con ordine a commentare squadra per squadra l'operato all'asta:

AFC FLAJAX: Gli olandesi vengono da un'annata tribulatissima e impostano un'asta prudente senza eccessive follie su grandi nomi, in porta insieme al confermato Carnesecchi si daranno battaglia per un posto anche Di Gregorio e Silvestri. La difesa a tre è la stessa della scorsa stagione praticamente con la cerniera composta da Schuurs, Rrahmani (4° stagione per lui ad Amsterdam) e Bastoni (3° anno col Flajax), un pò di livello le alternative da N'Dicka a Kalulu (3° anno per lui all'ArenA) passando per Dossena e Llorente. Sugli esterni dovrebbe agire l'esterno Bakker coadiuvato perlopiù da Zalewski (3° anno con questo club) con Parisi e Vojvoda (3° stagione al Flajax) come alternative. Centrocampo registrato in mediana da Calhanoglu con Thorsby nel caso a dargli il cambio, sarà interessante vederè chi giocherà come mezzala tra Frattesi (Capitano e alla 3° stagione col club) e Aouar, il ballottaggio sembra serratissimo. Sull'ala agirà uno tra Strefezza e Politano (al 3° anno in maglia Flajax) mentre il grande dubbio riguarda la trequarti dove tra Baldanzi - De Ketelaere e Gudmundsson vedremo chi la spunterà e occhio a Miranchuk che conosce l'ambiente essendo alla 4° stagione con i lancieri. La seconda punta potrebbe essere Nico Gonzalez che comunque lo scorso anno non ha convinto, occhio dunque a Ngonge e Thauvin che scalpitano. La prima punta, usando un condizionale grosso come una casa, dovrebbe essere Dusan Vlahovic (alla 6° stagione con la maglia del Flajax), l'alternativa sarebbe Sanabria, le speranze si chiamano invece Lucca e Mulattieri. In sostanza un mercato che ha prodotto una squadra con diverse alternative e tanti ballottaggi serratissimi in tanti ruoli chiave, una squadra molto difficile da gestire ma che in diversi casi mostra un buon potenziale, quanto immediato ce lo dimostrerà la stagione appena iniziata. VOTO: 6
PROBABILE MODULO: 3-4-1-2


BLACKBRUN:
I gialloneri del Blackbrun ripartono dopo la retrocessione della scorsa stagione con una squadra estrememamente talentuosa ma che potrebbe avere durante la stagione una copertina troppo corta. In porta dualismo dalle conferme della scorsa stagione tra Terracciano e Provedel col secondo favorito. Nella difesa a quattro degli inglesi troviamo a destra Calabria, icona del club, capitano e all'8° stagione in carriera con la maglia del Blackbrun, la sua alternativa dovrebbe essere uno tra Cambiaso (al 3° anno col Blackbrun) e Dragusin, il romeno può agire anche anl centro però e fare coppia con uno tra Casale, Izzo e Toloi. Sulla sinistra c'è il solito Biraghi, al 4° anno a Ewood Park, coadiuvato da Ricardo Rodriguez. Centrocampo muscolare con molti mediani solidi quali Cristante, Ricci, Maxime Lopez (al 3° anno in giallonero) e Mandragora (per lui 4°anno con questi colori), in caso si voglia aumentare la qualità è pronto Pessina. Tanta qualità sulle ali con Zaccagni, Lazovic e Kostic. Seconda punta d'autore con il grande ritorno in giallonero di Paulo Dybala dopo la tribulata stagione 2021, alle sue spalle scalpitano Raspadori e Caprari. La prima punta dovrebbe essere Scamacca, per Pinamonti il compito di dare grattacapi al mister quando sarà ora di scegliere. Squadra molto intrigante dove se tutto gira per il verso giusto potrebbe dare molte soddisfazioni, certo non ci sono grandissimi piani B in caso di problematiche ma il mercato potrà magari allungare una rosa studiata per vincere da subito e puntare dritta verso la Supercoppa. VOTO: 6
PROBABILE MODULO: 4-4-2


ELIS SAINT GIORGIAIN:
I parigini che vengono da due stagioni di gloria e che ricoprono in coabitazione col Flajax il ruolo di squadra più ricca della Lega fanno un'asta da protagonisti con diversi colpi di genio e una squadra che nonostante abbia qualche inconfondibile pecca sembra esplosiva anche se potrebbe, ma questo è un marchio ormai dell'ESG, non essere troppo continua nelle prestazioni. In porta confermatissima Maignan (3° anno con l'ESG) con Skorupski che in caso di raffreddore sostituirebbe il francese, tra i papabili anche Mirante alla 6° stagione in carriera al Parc de Princes. Difesa a quattro molto solida con il duello tra Faraoni (al 3° anno con l'ESG) e Kristensen sulla destra e quello a tre Martin-Kyriakopoulos-Augello sulla sinistra. Al centro della difesa pronti due tra Baschirotto, Beukema e Milenkovic. A centrocampo investimento forte su un mediano come Reijnders che avrà Harroui come riserva mentre gli incursori saranno scelti tra Elmas (al 4° anno a Parigi) e Kastanos con Pyythia e Quina papabili sorprese. Tanta qualità sulle ali dove tra El Shaarawy (al 3° anno con l'ESG), Messias, Vlasic e Verdi (al 5° anno al Parc de Princes) sarà un casino capire chi sarà in campo, più gestibile il discorso trequarti con Pulisic che dovrebbe essere la pietra miliare con Pasalic eventualmente a contendergli il posto. La seconda punta non potrà essere che Leao, confermatissimo e al 3° anno con l'ESG mentre per la prima punti giochi meno scontati con Giroud (3° stagione nel club) probabile titolare ma con Arnautovic (al 3° anno con l'ESG), Castellanos e Okafor a reclamare spazio. Un mercato di respiro molto ampio con una rosa variegata che può giocare in diversi modi a seconda delle situazioni e degli avversari, con la peculiarità di giornate trionfali intervallate da giornate di errori colossali, di difficile gestione ma oramai per l'ESG è la normalità assoluta venire a capo a situazioni tanto spinose. VOTO: 6
PROBABILE MODULO: 4-2-3-1


FC PANAPIGIAIKOS:
I campioni in carica beneficiavano per la seconda volta nella storia del fattore casa all'asta e come parecchi anni orsono si sono dimostrati ottimi padroni di casa. I greci creano una squadra molto sapientemente cucita intorno alla conferma del proprio bomber principe Osimhen, alle spalle del quale costruiscono un telaio di qualità. In porta confermatissimo Rui Patricio (alla 3° stagione in carriera al Pana) coadiuvato da Svilar e Boer (3° anno anche per lui). Nella difesa a tre dovrebbero agire intorno al totem Tomori (al 4° anno ad Atene) due da pescare dalla folta batteria di centrali tra i quali Natan, Acerbi, De Vrij (al 3° anno in biancoverde), Thiaw, Buongiorno (3° anno col Pana) e Djidji (anche per lui 3° anno all'Apostolos Nikolaidis). Sugli esterni sarà lotta vera anche se a sinistra dovrebbe agire Hernandez che passa ai rivali del Pana dopo 4 anni di Teottenham, sfregio senza precedenti nei rapporti già consunti tra i due club. Per l'altro posto vera bagarre con i vari Singo, Spinazzola (al 4° anno in Grecia) o Carlos Augusto o i più difensivi Olivera o Dorgu. A centrocampo grande sostanza con i vari Dominguez (4° anno al Panapigiaikos), Gagliardini e Zambo Anguissa (3° stagione coi greci) a fare legna mentre Kamada, Loftus-Cheek, Pellegrini e Samardzic (3° stagione col Pana anche per lui) avranno il compito di inventare e ribaltare l'azione, uno di questi dovrebbe avere anche l'onere di giocare dietro le due punte che plausibilmente dovrebbero essere Osimhen e Nzola (4° stagione col Pana per il nigeriano, 3° invece per l'angolano) che ad ora non hanno grosse alternative oltre a Laurientè sino ad ora, con Simeone e Pavoletti indietro nelle gerarchie. Una squadra di grande qualità soprattutto a centrocampo dove spiccano nomi di pregevole fattura, forse una squadra leggermente ridotta nel reparto avanzato con poche alternative ai nomi principali ma che può essere facilmente aggirato aumentando la batteria dei trequartisti in campo, tutti di grande qualità. VOTO: 6
PROBABILE MODULO: 3-4-1-2


FC TORDEAUX:
I girondini del Tordeaux dopo il grosso rischio retrocessione della scorsa stagione evitato per un soffio ripartono da un grandissimo bomber come Lautaro Martinez aggrappandosi ai gol dell'argentino per portare a casa (almeno) una salvezza tranquilla. In porta c'è il totem Consigli, oramai indissolubile dal club dei girondini e alla 13° stagione in carriera al Matmut Atlantique anche se lui debuttò coi francesi quando ancora era il Parc Lescure, concorrenza però per il capitano con i due slavi Milinkovic-Savic e Radunovic a tentare di scalzarlo, o forse in realtà lo hanno scalzato di già. In difesa la squadra dovrebbe presentarsi con Posch sulla destra e Mario Rui (3° anno coi girondini) sulla sinistra con la possibilità per entrambi di essere rimpiazzati da Kayode o da D'Ambrosio (alla 4° stagione in carriera col Tordeaux). Molta più abbondanza al centro della difesa dove sceglierne due tra Bijol, Mancini, Mina e Scalvini (al 3° anno al Matmut) sarà veramente complesso. Sull'esterno agirà Dumfries eventualmente sostituito da uno dei terzini o uomo unico in caso di difesa a tre. Sulla mediana dei costruttori di gioco come Locatelli e Moro e un incursore come Vecino (al 3° anno nel club), mentre con licenza di offendere ci saranno Bonaventura, Ferguson, Luis Alberto e Mkhitaryan che si commentano da soli. L'ala prescelta è ovviamente il confermatissimo Orsolini (al 3° anno coi girondini) con Saponara alle sue spalle pronto a subentrare al bisogno. L'attacco balla tra prime e seconde punte di qualità in base al modulo con Lautaro Martinez come intoccabile che può essere affiancato da Beto in caso di attacco a 2 o coadiuvato da Chiesa (al 3° anno col Tordeaux) in caso di altri moduli, gli altri da Bonazzoli a Isaksen passando per Pellegri sono ad ora solamente mere alternative. Una squadra ben costruita e con tanta qualità e piedi buoni alle spalle del bomber principe Lautaro Martinez, si prospetta una stagione molto interessante al Matmut se la grande qualità alle spalle del leader unico verrà fuori con continuità durante la stagione, forse squadra ancora un attimino corta in qualche reparto ma il mercato dovrebbe mettere tutto in ordine. VOTO: 6
PROBABILE MODULO: 4-4-2 / 3-4-2-1


PSFRE' EINDHOBERT:
Dopo anni di sostegno reciproco con il suo subdolo-vice il divino Treachi si ritrova da solo e nonostante si ingrappi dalla mattina presto mantiene una certa compostezza durante tutta la giornate gestendo con coraggio il tabellone per tutta la Lega e costruendo comunque una squadra, al solito, estremamente competitiva. In porta confermato Meret con alle sue spalle Gollini. In difesa intoccabile Di Lorenzo, capitano, leader, icona e alla 6° stagione in carriera col Psfrè, si prospetta tanta panchina per la sua riserva Ebuehi. Sulla sinistra agirà Mazzocchi (al 3° anno al Philips Stadum), la sua alternativa dovrebbe essere Gallo oppure Oyono che in realtà è l'alternativa di tutti anche dei centrali che saranno Smalling più un altro disagiato a scelta tra Pirola, Viti e Vogliacco. Aiuto. Sull'esterno il favorito e quasi unica alternativa è Dimarco mentre all'ala troviamo la grande follia stagionale del Psfrè con Chukwueze pagato ben 108 MIlioni con Ikonè pronto a sostituirlo. Nella zona nevralgica del campo agiranno plausibilmente Koopmeiners e De Roon con Ilic come alternativa mentre Nandez e Frendrup sono buoni come alternative sia sui lati che in mezzo. In attacco maxi investimeno su Retegui che sarà titolare con al suo fianco molto probabilmente Dia oppure in qualche occasione Caputo, strada per l'undici titolare molto più tortuosa invece per Luvumbo e Shomurodov. Una squadra priva di alcuni elementi cardine che l'hanno contraddistinta nelle ultime stagioni finiti in altri lidi, una sorta di anno zero con la ricostruzione di un nuovo ciclo subdolo ripartendo da capitan Di Lorenzo, da delle ottime conferme e da tante scommesse che potranno e dovranno alzare il livello del club nel corso della stagione. VOTO: 6
PROBABILE MODULO: 4-4-2


SPAGNA PRAGA:
I cechi arrivano da una stagione decisamente negativa e sfortunata culminata con un nulla di fatto e con l'assurda mancata qualificazione alla Supercoppa nonostante fosse tra le squadre migliori della Lega per produzione offensiva ma ciò non è bastato e ha obbligato i cechi a ricostruire intorno a pochi punti fermi una squadra che dovrà per forza di cose riscattarsi. In porta oramai Szczesny è una certezza dei cechim giunto ormai alla 5° stagione in carriera con lo Spagna Praga e ad un passo del ribaltare giù l'icona Lorenzo Stovini dal primo posto del podio delle presenze all-time del club. Storici anche il suo secondo Perin (4° anno con lo Spagna Praga) e Pinsoglio (5° anno nel club). Difesa rifatta da nuovo con Bellanova probabile titolare a destra con Gendrey che però scalpita così come Darmian mentre a sinsitra uno tra Kolasinac e Birindelli si prenderà l'onere di coprire la fascia. Al centro della difesa Romagnoli sarà il totem da cui ripartire e al suo fianco troveremo uno tra Luperto, Marì e Perez con De Winter possibile sorpresa.Sull'esterno il favorito per il posto potrebbe essere Cuadrado così come Felipe Anderson (alla 5° stagione al Letna Stadion) all'ala, per entrambi la possibilità di essere sostituiti da uno tra Ciurria e Weah. In mezzo al campo Lobotka gestirà le geometrie così come Rovella mentre per Makoumbou e per Walace il compito di fare legna per tutti, aumentando il raggio di azione i protagonisti diventano però Barella e Rabiot (al 4° anno in Repubblica Ceca). In attacco super investimento su Immobile da ben 176 Milioni che lo renderà inamovibile lì davanti, il posto rimanente sarà dura capire chi lo occuperà nella folta concorrenza composta da Milik, Zapata D., Tourè e Belotti (al 3° anno nel club e con grandi ricordi alle spalle a Praga). Di base il solito mercato solido e con diverse alternative in ogni ruolo per il duo dell'Est, la squadra costruita intorno a Immobile sembra solida e ben ragionata in tutti i reparti con le giuste alternative e gerarchie (a parte il partner di Ciro) piuttosto chiare. VOTO: 6
PROBABILE MODULO: 4-4-2


TEOTTENHAM:
Gli inglesi del Teottenham si fanno vanto di una conferma stratosferica come quella di Kvaratskhelia intorno al quale costruiscono una squadra di spessore, molto solida e con diverse alternative di qualità in tutti i reparti. In porta il titolare sarà Sommer, tra le alternative troviamo Audero, Caprile e Sportiello (alla 3° stagione con la maglia del Teottenham). In difesa sulla destra potrebbe agire Dodò con Marusic pronto a sostituirlo, mentre sulla sinistra il titolare dovrebbe essere Doig con Azzi o Pellegrini in alternative mentre i centrali dovrebbero uscire fuori dai nomi di Bisseck, Bremer, Gatti o Caldirola. Senza ovviamente dimenticarci di Danilo che può essere plausibilmente titolare ovunque in base alle partite e agli avversari disponendo di un meraviglioso triplo ruolo per il quale gli inglesi sono stati costretti a sborsare la bellezza di 45 Milioni che lo rendono il difensore più costoso della storia del Teottenham scalzando quello scherzo del destino travestito da follia inglese che fù Avelar, che ai tempi fu pagato la bellezza di 42 Milioni con un rendimento manco a dirlo al di sotto delle attese. Centrocampo decisamente solido con la lotta tra Arthur Melo, Marin e Tameze (alla 3° stagione all'Hotspur Stadium) per il posto in cabina di regia mentre come mezzali dovrebbero agire Zielinski e Lovric oppure profili come Colpani, Fazzini, Rafia o eventualmente Pogba, casomai decidesse di starci dentro almeno per un periodo. In attacco spazio alla fantasia con Thuram unico bisonte di ruolo in grado di fare la punta centrale anche se la sensazione dei più è di una squadra dotata di una specie di Falso 9 e un tridente composto da Kvaratskhelia, Berardi e Lookman, oltre a Thuram leggerine le alternative che rispondono al nome di Caso e Kvernadze. Una squadra tutta fantasia con un modulo solido e interpreti di grande qualità in grado di esaltarlo, andranno in corso d'opera chiarite alcune gerarchie non troppo limpide ma nel complesso un team che non si pone limiti con diversi uomini ambiti arrivati dal mercato insieme a delle conferme d'eccezione per il reparto offensivo. VOTO: 6
PROBABILE MODULO: 4-3-3



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio

Realizzazione siti web www.sitoper.it